Aeroporti siciliani: in quale aeroporto atterrare per andare in Sicilia?

Aeroporti siciliani: in quale aeroporto atterrare per andare in Sicilia?

Dove scegliere di sbarcare per andare in Sicilia e visitare l'isola più grande del Mediterraneo? Concentrati sugli aeroporti siciliani!

Quando si prepara un viaggio in Sicilia, l'isola più grande d'Italia e del Mediterraneo, la prima domanda che si pone è quale aeroporto scegliere per iniziare il viaggio in Sicilia. L'isola, che è un'estensione della Calabria, ospita due delle più grandi città italiane: Catania (10°) e Palermo (5°), con 315.576 e 676.118 abitanti rispettivamente. Atterrerete in uno dei due principali aeroporti siciliani - l'aeroporto di Catania-Fontanarossa e l'aeroporto internazionale di Palermo Falcone-Borsellino - uno sulla costa nord-ovest e l'altro sulla costa orientale.


Durante un viaggio in Sicilia nell'agosto del 2018, siamo arrivati all'aeroporto di Catania. Ecco il nostro feedback e i nostri consigli per visitare meglio l'isola seguendo l'aeroporto in Sicilia dove si arriva.

Atterraggio all'aeroporto di Palermo

Essendo Palermo la città più grande della Sicilia, ci sono molti voli diretti dalla Francia all'aeroporto di Palermo. Ci sono compagnie low cost che offrono prezzi imbattibili: meno di 100 € da Parigi per un volo di 2,5 ore. Anche in questo caso, sarà più economico dagli aeroporti di Toulouse-Blagnac e Marsiglia-Provence. All'arrivo in Sicilia, sono possibili diverse soluzioni per raggiungere il centro di Palermo: treno, autobus, taxi. Contate 20 minuti di viaggio per 6 € in autobus, 25 minuti per un collegamento ferroviario (a partire da 2,50 €).

Quali sono gli aeroporti siciliani più adatti per visitare l'isola? Atterrate a Palermo se siete interessati alla Sicilia occidentale e sud-occidentale. Nei dintorni di Palermo, abbiamo trovato i migliori siti in Sicilia per i nostri gusti: la penisola di San Vito lo Capo. Attenzione, la spiaggia di sabbia - rara in Sicilia - è troppo affollata quindi è meglio scendere lungo la costa occidentale della penisola se non si vuole essere ammassati fino a dieci su un granello di sabbia. Scendendo dalle alture, si arriva poco prima del villaggio di Macari, ai bagni pubblici di Bue Marino Beach. Un parcheggio gratuito permette di parcheggiare (un "posto" sognato dai campeggiatori per trascorrere la notte), di scendere in mare attraverso ripide insenature di roccia vulcanica.


La riserva naturale dello Zingaro è anche una delle caratteristiche inconfondibili della costa occidentale siciliana. Più a ovest, dirigetevi a Trapani e salite a bordo di un traghetto per trascorrere un giorno o due sulle isole dell'Egeo - Levanzo, Favignana e Marettimo. Durante il vostro soggiorno, approfittate dell'occasione per visitare la città di Marsala e, sulla costa meridionale, il famoso Parco Archeologico di Agrigento. Si noti che il mare della costa meridionale è soggetto a venti diversi, ed è quindi più fresco - o meno caldo - che sulla costa tirrenica.

Atterraggio all'aeroporto di Catania

Ci sono diversi voli diretti o di scalo dalle città francesi a Catania con una frequenza di uno o due voli al giorno. Le compagnie low cost sono Ryanair, Easyjet e Volotea, a volte offrono biglietti a meno di 100 € a seconda dell'aeroporto di partenza e della stagione. Questo aeroporto siciliano è il sesto più grande d'Italia, 6,2 milioni di viaggiatori lo attraversano ogni anno. Un volo di andata e ritorno da Parigi a Catania si trova a partire da 150€. Gli aeroporti di Tolosa e Marsiglia offrono prezzi molto competitivi, soprattutto fuori stagione. Il trasferimento in autobus dall'aeroporto Fontanarossa di Catania al centro della città può creare confusione in quanto le compagnie sono numerose: AST, Circumetnea, ETNA Trasporti, Giuntabus, Interbus, SAIS e le navette ALIBUS. Ma sarà molto più economico del taxi.

Quale aeroporto in Sicilia scegliere? Se volete iniziare con la visita di Taormina e delle sue antiche rovine, con un'escursione sull'Etna, con la visita di Siracusa e delle bellissime spiagge della Sicilia sudorientale (le calette diOgnina, Fontane Blanche o Marina di Avola), oppure andare alla scoperta della costa tirrenica (Milazzo e Capo d'Orlando, le Isole Eolie), è ovviamente all'aeroporto di Catania che bisogna atterrare. Se noleggiate un'auto, notate che è più veloce guidare nel nord dell'isola grazie alle autostrade, ma non ce ne sono nel sud. Pertanto, concedetevi più tempo se siete diretti a Siracusa. La redazione consiglia di privilegiare un'area riservata se il soggiorno è piuttosto breve: la Sicilia è un'isola molto grande, molto popolata - soprattutto in estate - e un itinerario troppo ambizioso rischia di farvi perdere molti siti interessanti.


Atterraggio all'aeroporto di Trapani

Situato in posizione equidistante tra Marsala e Trapani, a 1h30 d'auto da Palermo, l'aeroporto di Trapani è stato in pieno boom negli ultimi anni grazie all'installazione di compagnie aeree low-cost come Ryanair. Il terzo aeroporto della Sicilia per numero di passeggeri è un'alternativa all'aeroporto di Palermo. Se scegliete di atterrare all'aeroporto di Trapani e volete raggiungere Palermo, dovrete prendere una navetta (11€).

Per quanto riguarda l'aeroporto di Palermo, questo aeroporto della Sicilia è da preferire su di voi se volete visitare tutta la metà orientale della Sicilia, o anche il sud se organizzate di prendere il vostro volo di ritorno per l'aeroporto di Catania.

Aggiungi un commento di Aeroporti siciliani: in quale aeroporto atterrare per andare in Sicilia?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

End of content

No more pages to load