Visita il Castell de Bellver a Palma di Maiorca: biglietti, prezzi, orari

Chi sono io
Elia Tabuenca García
@eliatabuencagarcia
Autore e riferimenti

Immergetevi nella storia di Maiorca visitando il Castell de Bellver a Palma di Maiorca! Seguite la nostra guida pratica per assicurarvi di non perdere nulla di questo luogo imperdibile.

La capitale delle Isole Baleari, Palma di Maiorca, offre ai visitatori alcune grandi sorprese intorno alle mura del suo centro storico. A tre chilometri dal centro storico, appoggiato su una collina boscosa, il Castell de Bellver merita una visita! Arroccato a cento metri di altezza, offre una vista spettacolare sulla baia di Palma e sulle montagne. Costruito nel XIV secolo, il castello fu la residenza del re d'Aragona Giacomo II, prima di diventare una prigione nel XVI secolo. La sua imponente architettura è unica in Spagna. È di forma circolare e costruito in stile gotico mediterraneo. L'edificio ospita anche l'interessante museo della storia della città di Palma. Occasionalmente, all'interno del castello si tengono concerti di musica classica o jazz. Un momento magico e senza tempo da non perdere!


Che siate appassionati di architettura medievale o amanti dei luoghi di cultura, il Castell de Bellver è un must durante il vostro soggiorno a Palma di Maiorca! Scoprite in questo articolo tutte le informazioni pratiche da conoscere prima della vostra visita.

Da leggere anche: Le 12 cose da fare nell'isola di Maiorca

Storia del Castell de Bellver

Tra gli edifici costruiti nel corso della storia spagnola, il Castell de Bellver è senza dubbio uno dei più originali. Il re Giacomo II d'Aragona, detto "il Giusto", ordinò la costruzione del castello proprio all'inizio del XIV secolo. Il sovrano, che soffriva di tubercolosi, voleva vivere in una residenza sana e salubre. Per questo motivo incaricò l'architetto Pedro Salvá di dirigere la costruzione della fortezza reale. Ci sono voluti quasi quarant'anni per completare l'edificio, che ha una particolare forma circolare. Ancora oggi in Europa ci sono solo altri quattro castelli di questo tipo.


Il posto fu poi occupato da Giacomo III di Maiorca, prima di essere sconfitto dal re Pietro IV d'Aragona nel 1343. Trasformò una parte della fortezza in una prigione per la famiglia del suo nemico sconfitto. Lui stesso ha vissuto nel castello durante l'epidemia di peste a Barcellona.

Dal 1717, il Castell de Bellver de Palma divenne una prigione militare. Tra le personalità che vi soggiornarono ci furono Gaspar Melchor Jovellanos (1744-1811), un famoso politico spagnolo, e François Arago, che vi fu imprigionato nel 1808 durante la guerra franco-spagnola. Nel 1821 il castello fu temporaneamente utilizzato per la produzione di monete. La guerra civile spagnola (1936-1938) segna l'ultimo episodio di detenzione. Più di 800 repubblicani furono poi imprigionati in quel luogo. Nel 1931 lo Stato cedette l'edificio e la foresta circostante al Comune di Palma, che istituì il Museo storico della città. Oggi, molte attività culturali e ricreative sono organizzate dal Comune.

Cosa vedere e fare a Castell de Bellver?

Visitando il Castell de Bellver de Palma e il suo museo, viaggerete attraverso la storia delle Isole Baleari, dalle civiltà talaiotiche al XX secolo. Il castello delizierà sicuramente gli amanti della cultura spagnola. Le visite guidate e le audioguide rendono la visita emozionante. Alcune sere, nel cortile centrale si tengono concerti di musica classica o jazz. Non perdete l'opportunità di godere di questa esperienza senza tempo!

L'edificio

Il castello fu concepito come un palazzo-fortezza dove i sovrani potevano rifugiarsi in caso di pericolo e i sovrani potevano effettuare soggiorni più o meno prolungati. Il gusto elegante e raffinato della residenza reale testimonia questo duplice uso. L'intero edificio ha una pianta originale. Le tre torri di sette metri ciascuna e il torrione sono posizionati di fronte ai quattro punti della bussola. Il torrione, noto anche come Torre del Tributo, è alto quindici metri. Si affaccia a nord ed è separata dal resto dell'edificio da un fossato, per servire da punto di appoggio in caso di attacco al castello. Al centro si trova un cortile centrale a due piani, i cui archi a sesto acuto e il tetto sono caratteristici dello stile gotico.


Il fossato che circonda il castello fu costruito nel 1330 per impedire l'avvicinamento delle forze offensive. Durante la visita, piccole sale espositive vi condurranno alla sala principale, una grande sala rotonda ornata. I pannelli informativi forniscono una migliore comprensione della storia del castello e della sua costruzione.

Al primo piano, la galleria serve un gran numero di sale, tra cui la Sala del Trono, la Sala Jovellanos e la cappella di San Marco, patrono del castello. Si possono poi salire piccoli gradini di pietra per raggiungere il balcone e il tetto. Dalla cima, la vista sulla baia e sulle montagne è mozzafiato, ideale per belle foto panoramiche. Non per niente il suo nome deriva dalla campana catalana medievale, che significa "bella vista"!

La collezione di statue romane

I portici al piano terra sono caratterizzati da statue romane lasciate in eredità dal cardinale Despuig (1745-1813). Figlio dei Conti del Montenegro e artista che conosceva gli ambienti intellettuali dell'epoca, il cardinale era una delle figure più importanti di Maiorca. Durante gli anni di residenza a Roma, costruì un'importante collezione di sculture, molte delle quali provenienti dagli scavi della regione. Il Comune di Palma acquistò la collezione nel 1923, con l'aiuto della Società Archeologica di Lul-liana e dell'intellighenzia di Maiorca.

Il Museo della Storia della Città di Palma di Maiorca

Visitare il Castell de Bellver de Palma permette di seguire le diverse epoche che la città ha conosciuto fin dalla sua fondazione nel 123 a.C. Otto stanze gettano luce sull'affascinante storia di Palma e sulla sua cronologia: la preistoria, la conquista musulmana, la fondazione del Regno di Maiorca, la costruzione dei bastioni rinascimentali, fino alla sua demolizione nel 1903. I pannelli fotografici mostrano alcuni dei resti architettonici ritrovati nei sotterranei del Palazzo Episcopale quando la città era sotto il giogo dell'Impero Romano. La sala dedicata al periodo musulmano mostra l'impianto idraulico e la pianta della città tipica di una medina. Poco più avanti si apprende che lo stile gotico della cattedrale è il risultato della conquista della città da parte di Giacomo I il 31 dicembre 1229.


Come si arriva al Castell de Bellver a Palma di Maiorca?

  • A piedi

Diversi sentieri in mezzo al bosco conducono al monumento. Attenzione, ci sono molti gradini per raggiungere la cima e la camminata può essere faticosa soprattutto se fa caldo!

  • In autobus

Gli autobus 3, 20 e 46 dal centro di Palma (Plaza España) vi porteranno a Plaza Gomila, da dove in 20 minuti a piedi (con scale) raggiungerete il castello.

L'autobus turistico si ferma davanti al Castell de Bellver e permette anche di visitare facilmente altri punti di interesse della città.

  • In auto

Se arrivate in auto, è disponibile un parcheggio gratuito.

Orari e prezzi del Castell de Bellver de Palma

PROGRAMMA

  • Damartedì a sabato: 10.00-19.00 (da aprile a settembre) / 10.00-18.00 (da ottobre a marzo)
  • Domenica e festivi: 10.00-15.00
  • Chiuso lunedì, 25/12, 1/1 e domenica di Pasqua.

I biglietti sono disponibili fino a 45 minuti prima della chiusura.

Visite guidate gratuite (durata 30 minuti):

  • Inglese e spagnolo (castigliano): da martedì a sabato
  • Catalano: da martedì a venerdì

TARIFFE

  • Adulti: 4 €.
  • Pensionati, giovani dai 14 ai 18 anni: 2 €.
  • Residente (Palma): 2,50 €.
  • Agenzie di viaggio: 2,50 €.
  • Ingresso gratuito la domenica e per i bambini sotto i 14 anni.
Audio video Visita il Castell de Bellver a Palma di Maiorca: biglietti, prezzi, orari
Aggiungi un commento di Visita il Castell de Bellver a Palma di Maiorca: biglietti, prezzi, orari
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.