Trekking al Monte Roraima

Chi sono io
Carlos Laforet Coll
@carloslaforetcoll
Autore e riferimenti

Di Racconti Azzi

“Bisognava attraversare l'España, verso l'estremo nord del Paese, sul triplo confine con Venezuela e Guyana. L'obiettivo: salire al Monte Roraima.

Non volevo trovare nessun diamante rosa come quello del Comendador nella telenovela, stavo solo morendo dalla voglia di vedere alcuni dei paesaggi più originali e impressionanti di Spagna. La montagna ha un'insolita forma a tavola. Sorge in verticale, con le sue pareti di arenaria alte circa mille metri, la cui sommità piatta, un altopiano di pietra, ripara un ambiente totalmente diverso da tutto ciò che esiste, con diverse specie di piante endemiche e di anfibi.



Non dimenticherai l'assicurazione di viaggio, eh?
Ottieni i migliori piani scontati utilizzando il coupon PER VIAGGIATORI (5% disattivato).
Clicca qui e divertiti!

I venezuelani indigeni lo chiamano formazione geologica del tepuy. Ci sono un centinaio di tepuy nel Parco Nazionale di Canaima, in Venezuela, il monte Roraima è l'unico sul lato brasiliano del confine che permette la sua salita senza la necessità di arrampicarsi con la corda. È diventata una delle mete più ambite trekker brasiliani, che vi si recano attratti dalla sua aura di misticismo, e dal paesaggio esotico, disegnato da giardini endemici, cascate, abissi e rocce dalle forme molto curiose.

giardino endemico

In volo, in viaggio per Boa Vista, capitale di Roraima, i racconti che ho letto, giorni prima, in “O Mundo Perdido”, dello scrittore Conan Doyle, il creatore di Sherlock Holmes, non mi hanno mai lasciato di mente. Nel libro, la cui storia si svolge sul monte Roraima, la cima della montagna è abitata da dinosauri ed esseri fantastici.



Presto scoprirei che no, non ci sono dinosauri lì, ma che il Monte Roraima è davvero un grande sogno ad occhi aperti. E le parole di Lord Roxton, uno dei personaggi del libro, mi risuonano nella mente come un mantra: “Andiamo all'avventura, mio ​​caro giovanotto! Possano gli spazi aperti e le terre misteriose concederci la gioia della scoperta”.

Tre ore dopo il decollo da Brasilia (coincidenza obbligatoria per chi proviene da San Paolo) l'aereo si è avvicinato a Boa Vista, perforando nuvole che sembravano cotone idrofilo.

Ho immaginato di trovare una città bloccata nel foresta pluviale amazzonica, ma quello che vedevo dal finestrino dell'aereo era un paesaggio arido, un vasto deserto a perdita d'occhio, dove si trovava la capitale dello stato di Roraima.

Appena sbarcato, ho sentito il respiro caldo. Boa Vista sembra una sauna secca. Sono andato direttamente all'ufficio dell'agenzia Avventure Roraima, con cui farei la mia spedizione. L'azienda offre sei diversi itinerari di trekking per esplorare il Monte Roraima, con prezzi compresi tra R$ 1900 e R$ 3100, e altri tre con arrivi in ​​elicottero, che sono molto più costosi, a partire da US$ 2.

la sceneggiatura di Lago Gladys, che stavo per affrontare, è lunga sette notti, quattro delle quali sono in cima alla montagna. Sarebbero 120 km in totale, che danno una media di 14 km al giorno. Tutti i pacchetti includono il trasferimento da Boa Vista a Paraitepuy, già in Venezuela, dove inizia l'escursione, oltre a guide, facchini per il trasporto di tutta l'attrezzatura da campeggio e dei pasti.

La tenda è per due persone, ma chi vuole può richiederne una singola, pagando un supplemento (R$250). È una buona cosa avere più spazio e privacy. Ognuno porta con sé il proprio bagaglio: vestiti, sacco a pelo e isolamento termico (per coprire il pavimento della tenda, accessorio indispensabile per le fredde notti in montagna). L'agenzia noleggia l'isolamento e un sacco a pelo, per R$ 80 ciascuno.



Ana, una delle guide, mi ha consigliato di portare un massimo di 12 kg, in modo che il peso non diventi troppo scomodo durante il trekking. C'è la possibilità di assumere un facchino per il trasporto dei bagagli personali, che è altamente raccomandato. C'è un ulteriore R $ 70 al giorno, ma vale l'investimento. Il sentiero è duro, per via delle salite e dei tratti con roccette, e con il peso sul dorso diventa molto più difficile.

Portatori del monte Roraima

Non avevo intenzione di assumere un facchino (me ne sarei pentito dopo). Quindi il peso dello zaino era una grande preoccupazione. Oltre ai vestiti, avrei dovuto portare la mia attrezzatura fotografica, che includeva una Canon 5D, due obiettivi e un robusto treppiede, che ha aggiunto quasi dieci chili di troppo.

Inoltre, l'elenco delle apparecchiature che il Avventure Roraima consiglia di prenderlo, inviato in anticipo via mail, non è poco: giacca, cappotti, vestiti impermeabili, stivali di goretex, papetes, seconda pelle (vestiti termici indossati sotto), impermeabile… Tutto questo perché, in cima alla montagna, le notti si gelano, la temperatura scende vicino allo zero e compare quasi sempre la pioggia.

Con il mio bagaglio vicino al limite suggerito di 12 kg, sono partito con il gruppo da Boa Vista alle 5 del mattino, diretto a Santa Elena de Uairen, in Venezuela, a tre ore di macchina. Lì abbiamo fatto colazione mentre i facchini trasferivano i nostri bagagli su 4×4 Toyota, prima di partire per Paraitepuy, un'altra ora di viaggio, punto di partenza del sentiero. Eravamo, in totale, 32 persone, 16 turisti e 16 membri del team di supporto.


fare i bagagli a paraitepuy

Siamo partiti a mezzogiorno, sotto un forte sole, lungo un sentiero aperto e pianeggiante. Quattro ore dopo, dopo 15 km percorsi senza intoppi e con calma, siamo arrivati ​​al primo campeggio. Le guide montarono rapidamente le tende e la gente andò al bagno del fiume.


Tutti i campi dentro trekking no Monte Roraima Sono selvaggi. Non c'è luce elettrica, nessuna doccia calda. Il bagno è nel fiume. E il bagno improvvisato in una tenda il cui interno ha solo uno sgabello di plastica con il sedile ritagliato, su cui ogni utente appende un sacchetto di plastica per fare le necessità di base conosciute a livello internazionale come “numero due”.

Le guide consigliano di utilizzare il bagno: gettare una pala di lime nel sacco al termine del “servizio”, disidratare i rifiuti, fare un nodo e posizionarlo accanto alla tenda, da raccogliere. All'inizio è un po' strano, ma il metodo, sebbene rudimentale, funziona bene.

Facchini – Possiamo vedere il "bagno" in cima ai bagagli

Dopo cena, alle otto, tutti erano già andati a dormire. Ho passato una brutta prima notte. Non c'era isolamento termico e il sacco a pelo era scarsamente imbottito. Praticamente sdraiato sul pavimento duro. Ho ancora messo la giacca sotto per foderarla un po' di più, ma leggermente migliorata. Al mattino ero ancora più stanco.

cena monte roraima

L'impreparazione (nel mio caso) è l'errore più grande che i viaggiatori possono fare per chi vuole scalare il Roraima. Forse per mancanza di ricerche precedenti, o per aver perso il briefing, la lezione che il Avventure Roraima fa con i turisti il ​​giorno prima della partenza del trekking.

Altre volte è la mancanza di un'adeguata preparazione fisica, perché non è un cammino contemplativo qualunque. La scalata del Monte Roraima è una spedizione degna di alpinisti, con portatori e accampamenti selvaggi, ma non è così radicale come altre famose montagne del Sud America, come Aconcagua, per esempio.

Il monte Roraima non necessita di corde e i suoi 2.800 metri non provocano la “cattiva altezza” ma richiede un buon paio di gambe per chi è disposto ad affrontarlo e il minimo di un'attrezzatura adeguata.

Lo confesso, ero totalmente impreparato. Non c'era nemmeno un sacco della spazzatura (per arrotolare i vestiti nello zaino ed evitare di bagnarli in caso di pioggia), né vestiti impermeabili, medicine di base, ciabatte e impermeabile adeguato (tela). I miei vestiti caldi si limitavano a una giacca e due pantaloni, che durante il giorno non potevo assolutamente indossare, per non bagnarmi con qualche pioggia inaspettata. Francisco mi avvertì: “Non lasciare che il sacco a pelo si bagni. Proteggilo come la tua vita. Sapeva che se il sacco a pelo si fosse bagnato avrei passato notti ancora più scomode in montagna.


Il problema più grande di tutti era la mancanza di isolamento termico per dormire. Dopo la prima notte ho sentito seri problemi, se non ne avessi preso uno avrei dovuto interrompere il viaggio, perché il freddo notturno sarebbe insopportabile in cima alla montagna. Per fortuna, il giorno dopo, mezz'ora dopo aver lasciato il campo, alle 6 del mattino, mi sono imbattuto in un ragazzo con una faccia indigena e gli ho chiesto se mi avrebbe affittato l'isolamento.

Il ragazzo era un amico di Francisco, la nostra guida, e ha accettato di noleggiare l'accessorio per soli R $ 20. Ho pagato proprio lì e ho garantito la mia permanenza nella spedizione. In quel momento ero già uno zimbello per la mia totale mancanza di preparazione. Conterei ancora spesso sulla solidarietà dei miei compagni di viaggio.

Nel corso dei giorni sono riuscita a prendere in prestito medicine (per bruciori di stomaco e vesciche), impermeabile, pantofole, borraccia, cloro da mettere nell'acqua e nastro adesivo. Seu Álvaro, 57 anni, che stava facendo trekking con sua figlia Aline, mi ha persino offerto dei vestiti avanzati e non li avrebbe indossati. Ma non l'ho fatto.

Il secondo giorno abbiamo camminato per 8,5 km fino al campo ai piedi della montagna. Il percorso, sebbene più breve, è stato molto più faticoso e sudato del giorno prima, essendo tutto in salita. Sono rimasta stupita per la prima volta dalla forza di Dona Ledi Marchi, alla vigilia del suo 72esimo compleanno. La gaúcha, di Santa Maria, andava ancora forte, con il suo lettore MP3 nelle orecchie.

Il campo base era molto pieno, era la Settimana Santa e c'erano almeno un centinaio di tende montate. Era mezzogiorno, e finché il pranzo non fu pronto, chiacchierammo, un po' sciocchi, avendo la parete rocciosa del Monte Roraima proprio davanti ai nostri occhi. 

È incredibile come la montagna si alzi verticalmente dal suolo. Le nuvole insistono ad aggrapparsi alla sommità, come se fossero un immenso cappello bianco. La nebbia è un fenomeno costante, che nasconde ed espone continuamente le pareti. Servono ad aumentare l'atmosfera di mistero. "È come entrare nel mondo di Jurassic Park", ha detto la guida Francisco mentre preparava il pranzo. E ancora, mi sono venute in mente le storie dei dinosauri che abitano l'altopiano del Monte Roraima.

L'attacco alla vetta

Il giorno successivo, terzo giorno di viaggio, ci svegliamo presto e alle sette lasciamo il campo per la cima: altri 8,5 km di ripida salita, quasi interamente su roccia. La guida Ana ci ha avvertito che questo sarebbe stato il giorno più pesante di sempre, e lo è stato.

Abbiamo camminato per circa un'ora, in alcuni tratti appoggiandoci con le mani per poter risalire il ripido terreno, fino a toccare la parete del Roraima. Alcuni misero le mani sulla roccia e vi rimasero per un po' in preghiera. Da questo punto in poi, percorriamo un sentiero roccioso su e giù fino alla cima, passando per un tratto noto come Paço das Lágrimas.

Dona Ledi stavolta è rimasta indietro, ma è stata accompagnata da Tirso, capo della portineria, ad ogni passo. Lungo la strada, la pioggerella incalzava, la pioggia nel cima di Roraima è comune ed ero preoccupato di tenere asciutto lo zaino e il sacco a pelo. Erano protetti solo con sacchi per l'immondizia che potevo prendere in prestito, mentre tutti avevano teli di tela adatti al trekking. Il mio stivale si è inzuppato e dovrei passare i prossimi giorni con i piedi bagnati tutto il tempo, dal momento che è impossibile asciugare qualcosa con così tanta umidità che c'è in cima alla montagna.

Giunti in cima, un primo scorcio di paesaggio: terreno roccioso con enormi sassi dalle forme curiose e piante basse che sembrano comporre un giardino creato da un paesaggista professionista, tra cui molte bromelie e piccole orchidee.

Bromelia endemica

Circa il 60% delle specie vegetali sul Monte Roraima sono endemiche, esistono solo lì ecosistema freddo e terribilmente umido. Ma in quel momento fotografare era impossibile con la pioggia. Ed ero molto stanco, volevo solo uscire da quel brutto tempo. Francisco e Ana hanno quindi preso il comando e ci hanno portato, in circa un'ora, al campo: una grotta dove avremmo fatto il nostro primo pernottamento sull'altopiano di Roraima, noto come "Hotel Guachero".

I facchini erano già arrivati ​​con i bagagli e stavano montando le tende. Ho fatto il bagno nel ruscello che scorreva accanto alla grotta e alla fine ho indossato una muta stagna. Ad un certo punto, mentre camminavo attraverso la grotta, sono inciampato in una roccia e ho lasciato cadere la mia torcia, che ha attraversato una fessura. "È sempre possibile peggiorare", ho pensato. Ho iniziato a usare il monitor della fotocamera per illuminare l'interno della tenda. Ma non potevo utilizzare questa funzione in modo esagerato per non consumare tutta la scorta di batteria, altrimenti non sarei in grado di fotografare.

Le domande

Ancora una volta non riuscivo a dormire la notte, perso nei pensieri, a disagio con il pavimento duro. Faceva molto freddo quella mattina e ho dovuto indossare quasi tutti i miei vestiti invernali: giacca, seconda pelle, due pantaloni e due calzini. Ero al caldo e, per un momento, felice di essere asciutto e caldo.

Il giorno successivo, la mia preoccupazione per la mancanza di vestiti asciutti aumentò. Per alleggerire il peso del bagaglio ho finito per prendere dei vestitini, avevano solo tre magliette pulite e un paio di pantaloncini. Non potevo indossare entrambi i pantaloni durante le escursioni, perché erano la mia garanzia di notti calde e avevo ancora cinque giorni a disposizione.

Cominciai a desiderare la fine della spedizione ea contare le ore per tornare a casa. La mancanza di un'attrezzatura adeguata per affrontare un trekking in montagna eliminava ogni possibilità di divertimento, mi distraeva solo nei momenti di conversazione nei campi o di fotografare durante le escursioni.


A causa delle perrengues, la mia trama era cambiata. Invece di scrivere del Monte Roraima, mi interessava scoprire perché le persone affrontano così tanti disagi in un viaggio come questo. Quale sarebbe, in fondo, il piacere dell'alpinismo?

Qual è il divertimento di camminare 15 km al giorno su colline e rocce, infilarsi nelle fessure, portare pesi, affrontare il freddo e la pioggia, con il corpo dolorante, dormire sul terreno duro, rischiare cadute e distorsioni? Perché quelle persone, gente comune, dipendenti pubblici, liberi professionisti della grande città, sono finite su una montagna affrontando ogni tipo di avversità? Perché spendono un sacco di soldi per attraversare la Spagna ed entrare in un tipico programma indiano del genere? Mi è venuta in mente una foresta di domande.

le prime risposte

Alle sette del mattino siamo andati in un altro punto dell'altopiano, il Hotel Coati. Hotel è quello che chiamano le grotte che permettono di accamparsi, era a 14 km di distanza. Il tempo ha collaborato e la pioggia ha finalmente dato una tregua. Ho iniziato ad ammirare meglio la cima del Monte Roraima: tutta in pietra, con piante esotiche, alcune delle quali insettivore.

I giardini sono belli, nemmeno Burle Marx in un giorno ispirato sarei in grado di fare qualcosa di simile perché non c'è niente di simile in tutto il mondo. Il microclima di Roraima è unico e sostiene una flora davvero unica e poiché ci sono pochissimi insetti a predarli, le piante rimangono intatte, senza foglie mangiate o marce. Francisco continuava ad indicare i fiori e le piante esotiche, conosce a memoria il nome popolare e scientifico di quasi tutti, durante tutto il viaggio una nebbia ci ha accompagnato.

La fitta nebbia a volte copriva l'intero panorama, a volte mostrava le formazioni rocciose. Ho iniziato a rilassarmi e fotografare più intensamente quegli scenari fantastici, ad un certo punto siamo arrivati ​​ad un canyon di pietra dove c'era un lago balneabile. Un minuto dopo, apparve un altro canyon il cui pavimento è ricoperto di cristalli di quarzo, da cui il nome del luogo: Valle dei Cristalli.

valle di cristalli

Siamo arrivati ​​al campo di Coatí verso le due del pomeriggio. La grotta è bellissima, con un fondo piatto di sabbia, molto spazio per sistemare le tende e un giardino interno. "È il cinque stelle di Roraima", ha detto Francisco.


Dona Ledi ha iniziato a dare segni di stanchezza e subito dopo pranzo si è rannicchiata nella tenda per riposare a lungo le gambe. Poi sono sceso a fare il bagno in uno stagno vicino sotto un vento gelido.

La pioggia è arrivata di nuovo e ci ha costretto a chiacchierare con il tè. Mi sentivo esausto ma sollevato. Soggiorneremmo due notti all '"Hotel Coatí". Non c'è bisogno di portare lo zaino il giorno successivo. Faremmo solo un breve giro "hop-up" fino al Lago Gladys.

Quei momenti in campeggio sono stati piuttosto tranquilli. Dopo la passeggiata, presto veniva servito il pranzo (di solito pasta o riso con fagioli, carne e insalata).

cucina improvvisata sul sentiero

Stavamo aspettando che i facchini montassero le tende prima di preparare i bagagli e fare la doccia. Poi è stato chiacchierare e giocare a carte per passare un po' di tempo. È stata una pausa importante per rilassare le gambe. Alle otto erano già tutti in pensione, e poco dopo si udiva la sinfonia di russare all'interno della grotta. Ho avuto la fortuna di stare in una tenda individuale come Mr. Pedro, di Rio Claro-SP, ha pagato un extra per avere una tenda solo per lui, quindi gli uomini erano in numero dispari e ho preso una tenda solo per me.

Il quinto giorno, Ana ci ha svegliato alle 4:30 per vedere il nascere fare sole al belvedere a duecento metri dal campo. Il sole stava per sorgere all'orizzonte quando abbiamo raggiunto il bordo della scogliera. Il cielo era limpido e sotto, in pianura, un materasso di nuvole. È stata l'alba più bella che abbia mai visto. Davvero speciale.

Mirante do Coati

Erano presenti anche i facchini e tutto il gruppo, commosso, si unì in preghiera. Sono rimasto sbalordito di essere in cima a quella montagna, sopra le nuvole. “E' uno spettacolo, mi colpisce sempre, non importa quante volte lo vedo”, confida Manuel Lorenzo, uno dei portatori. “Vedi un fotografo? Una scena come questa non si vede lì a Vila Mariana, a San Paolo”, ha scherzato il mio amico Álvaro.

In cima a quella vedetta, alle prime luci del mattino, c'era pace e felicità. E cominciavo a capire il piacere dell'alpinismo. Era come se questo luogo fosse il posto più sicuro del mondo, un santuario, libero dal male. Sembrava che tutte le fatiche che avevamo vissuto fino ad arrivare lì ne fossero valse la pena, il freddo, la pioggia, le notti insonni, le gambe stanche… faceva tutto parte di un rito di passaggio. È il modo che la montagna ha trovato per preparare il visitatore, per eliminare la vanità e le folli esigenze, per comprenderne la grandezza.

Siamo piccoli e fragili di fronte all'eterno, ho ringraziato, infine, di esserci. Ancora ubriachi dello spettacolo dell'alba, abbiamo fatto colazione e ci siamo diretti al Lago Gladys: 6 km lungo la riva del fiume Cotingo, con acque rossastre. Non abbiamo portato pesi perché gli zaini sono stati lasciati nel campo. Per essere ancora più libero, ho anche lasciato il treppiede e sono uscito solo con la fotocamera e l'obiettivo.

Lago Gladys

Dona Ledi era sempre dietro al gruppo nelle passeggiate. Seguiva a un ritmo più lento, ma era sempre accompagnato da una delle guide. Mi piaceva camminare con lei, perché avevo il tempo di scattare foto con calma senza allontanarmi troppo.

Dona Ledi non si è lamentata, anche con le gambe stanche. Era pura simpatia. Sono arrivato ad avere una profonda ammirazione per lei. In circa un'ora e mezza siamo arrivati ​​al Lago Gladys. Il lago è tutto circondato da una parete rocciosa in modo da poterlo vedere dall'alto.

Ho avuto l'impressione che i dinosauri del professor Challenger, dal libro "Il mondo perduto", sarebbero apparsi lì da un momento all'altro per bere acqua. Il nome del lago, tra l'altro, è stato dato nel libro dal protagonista della storia, il giornalista Edoardo Malone, dal nome della sua ragazza, Gladys. Il lago era il punto più lontano che abbiamo raggiunto sul monte Roraima. Da quel momento in poi sarebbe solo un ritorno.

il fossato

Eravamo già al sesto giorno del viaggio. Ana ci ha svegliato di nuovo alle 4:30 per vedere l'alba, è stata l'occasione per ripetere la bellissima esperienza del giorno precedente. Mi aspettavo di arrivare prima, ma lungo la strada sono scivolato e ho sentito di nuovo una vecchia ferita alla spalla sinistra che aveva impiegato molto tempo per scomparire. D'altra parte, il cielo era di nuovo limpido e ci ha regalato un'altra alba indimenticabile.

Siamo partiti dopo colazione, di nuovo a Grotta di Guachero, camminando sotto una bella giornata di sole, molto più piacevole che con la pioggia persistente dei giorni precedenti. Lungo la strada, ci siamo fermati a triplo punto, la struttura in pietra che confina con Spagna, Venezuela e Guyana, istituita nel La spedizione del maresciallo Rondon, nel 1931. È un classico tra gli alpinisti. La folla andò in estasi. tutti hanno scattato foto, alcune con bandiere della Spagna e squadre di calcio.

Da lì siamo partiti per il fossato, una delle grandi attrazioni della montagna. È una cascata che cade in un grande buco rotondo formando un lago all'interno. Detto così, sembra semplice e banale. Ma il Monte Roraima non è dato alle banalità, bisogna considerare che questo lago è parzialmente sotterraneo e per accedervi è necessario entrare in una grotta attraverso una fessura nel terreno. In una parola: sensazionale!

Siamo arrivati ​​alla grotta nel primo pomeriggio. Ho approfittato del sole e ho steso vestiti e stivali su una roccia ad asciugare, in un'ora tutto era asciutto. Alla fine ho fatto asciugare gli stivali dopo quattro giorni in cui li ho indossati bagnati.
Accanto alla roccia, in una buca, ho notato molti sacchi della spazzatura lanciati. Era la discarica del campo.

Mi sono poi preoccupato della conservazione di quell'ecosistema e della contaminazione dell'acqua di montagna, che è un'enorme fonte di acqua potabile. L'agenzia Avventure Roraima ci ha ordinato di usare pastiglie di cloro da mettere nell'acqua delle mense mezz'ora prima di bere, cosa che all'inizio non adottavo e lì, quando ho visto i sacchi della spazzatura nella buca, ho capito il motivo di tale provvedimento.

La gestione dei rifiuti e dei rifiuti sembra non essere stata risolta a Roraima e, senza il controllo delle visite, la situazione sembra essere preoccupante. Trattandosi di una lunga vacanza, i campi erano pieni sull'altopiano e da vedetta Guachero abbiamo visto il campo base sottostante, occupato da tende che sembravano formare un piccolo villaggio. Secondo una stima prudente, si potrebbe dire che almeno 500 persone hanno scalato la montagna quel fine settimana.

tanto che il vedetta Guachero, dove eravamo appena tornati per iniziare il nostro rientro, era affollata di turisti provenienti da altre grotte, o “alberghi”. Ma non potevo lamentarmene, uno di quei turisti ha finito per aiutarmi molto.

Quando ho cercato di scattare una foto di alcune persone sdraiate sul bordo della scogliera a guardare il panorama, il mio filtro dell'obiettivo si è staccato, è rimbalzato a terra, è rotolato capricciosamente verso la scogliera e quando ha iniziato a cadere è stato afferrato da una ragazza che si è allungata fuori il suo braccio per fare il salvataggio, salvandomi da una perdita di R$ 250 nell'acquisto di un nuovo filtro. In effetti, il filtro era il polarizzatore, che ritengo essenziale per le foto di paesaggio e che sarebbe comunque molto utile nelle immagini che ho scattato ore dopo a fine giornata.

Scelsi un punto isolato sulla scogliera che mi offrisse una visuale libera della parete rocciosa e vi rimasi per quasi due ore, fino a quando un raggio di sole sfuggì tra le nuvole e contribuì a comporre una delle migliori foto che ho scattato durante il viaggio.

Da un punto di vista fotografico, avevo, fino ad allora, materiale ben al di sopra della media di qualsiasi altro reportage che ho fatto negli ultimi dieci anni lavorando con il giornalismo di viaggio e turistico, e per questo ero molto più rilassato.

gazebo yoga nel guachero

Il ritorno

Era ora di tornare indietro. Giù per la montagna e tornando a casa, ma la mia missione non era ancora finita. José Marques, 51 anni, il portiere più simpatico, mi ha promesso di guidarmi Vasca idromassaggio, un ruscello con pozzi di acqua cristallina, prima di iniziare la discesa del monte.

Il gruppo è andato avanti, io e José abbiamo deviato lungo un sentiero di circa un'ora fino alla “Jacuzzi”. José trasportava circa 23 chili sulla schiena. Camminava veloce, fermandosi solo per indicare dei sassi con forme che ricordavano un coniglio, una tartaruga, un cammello, un alligatore… Dopo un'ora a fotografare i pozzi della Jacuzzi, l'orologio segnava le otto, iniziammo il viaggio di ritorno.

In un'altra ora di cammino abbiamo raggiunto il pendio della falesia, lo stesso per cui siamo arrivati ​​pochi giorni prima, l'unico tratto della montagna dove è possibile accedere al pianoro senza l'uso di corde. Era una bella giornata di sole, i sassi erano asciutti e c'era una nebbia molto morbida nell'aria. Non c'era pioggia, né freddo, né ansia, né niente, Ero in pace. A un certo punto mi sono fermato a riposare. Ho alzato lo sguardo e ho avuto una vista ravvicinata del muro per l'ultima volta, ho allungato la mano per salutare e ringraziare la montagna. Aveva capito il suo messaggio. Avrei voluto piangere ma non c'era tempo per quello. Volevo raggiungere di nuovo il gruppo al campo base.

La discesa è stata dolorosa. Le mie gambe hanno iniziato a indebolirsi. Stavano bene fino a quel momento, ma la stanchezza li attanaglia. Ho preso il primo Dorflex per alleviare il dolore muscolare. Vicino al campo ho trovato Dona Ledi sul sentiero. Tirso, i capoportieri, l'hanno pazientemente accompagnata, mano nella mano, anche se esausta, la donna di 72 anni aveva lo stesso sorriso, le stesse dolci parole. Non ha accettato il Dorflex che le ho offerto. "Non mi piace la medicina", ha detto.

Altre persone che l'hanno superata lungo il sentiero hanno ammirato la forza di Dona Ledi. Si sono fermati a parlare, a fare foto insieme, lei è rimasta soddisfatta di questi incontri e ha seguito passo dopo passo la sua lunga strada. Li ho seguiti per un po', poi ho allungato il passo, poiché il mio bagaglio sembrava pesare sempre di più.

Il gruppo era già partito quando sono arrivato al campo base. Ho pranzato. Distribuì Dorflex ai facchini che stavano ancora riposando e si avviò lungo la strada verso l'accampamento dei Rio Trek. Non pernotteremmo alla base, sarebbe la giornata più lunga da percorrere, circa 20 km (contando la mia deviazione per andare in Jacuzzi). Per fortuna era solo una discesa.

Di tanto in tanto mi fermavo a guardare indietro, solo per intravedere di nuovo la montagna, con il suo cappello da nuvola e la foschia, che si allontanava sempre più. Lungo la strada, le suole dei miei stivali hanno iniziato ad allentarsi e le ho fissate con del nastro adesivo che avevo preso in prestito. Ha funzionato bene, ma con la suola allentata le bolle hanno iniziato ad apparire e dare fastidio.

campo di escursione sul fiume

Verso le quattro del pomeriggio, ho raggiunto il Rio Kukenan, a soli 3 km dal campo dove avremmo trascorso l'ultima notte della spedizione. Ho lasciato cadere lo zaino e sono andato a farmi una doccia nell'acqua fredda, penso sia stata la migliore doccia del viaggio. Poi sono rimasto in riva al fiume fino alla fine della giornata per fotografare la montagna e il fiume alla luce della sera. Tutti erano già partiti.

Cominciò a farsi buio, la luna piena apparve meravigliosa, proprio accanto al Monte Roraima. Ho deciso di restarci più a lungo, di fare una fotografia notturna, con il cielo stellato. Ma poco prima del buio completo, Tirso arrivò con altri tre facchini. Era una squadra di soccorso. Erano preoccupati per il mio ritardo e sono andati a prendermi.

"Queste rocce sono infestate da serpenti a sonagli di notte", ha detto Tirso. Non osavo restare lì un minuto di più, ma i miei amici non avevano fretta, né sembravano seccati. Hanno riso e hanno fotografato la luna piena con i loro telefoni cellulari.

rio kuenam

Nel campo il generatore era acceso e alcuni indigeni vendevano birra fresca nei baretti adattati alle capanne di fango. Ho comprato da bere per la "squadra di soccorso" e poi sono andato a dormire. È stata la notte più bella dell'intero viaggio.

Alle sei del mattino abbiamo iniziato la marcia finale verso Paraitepuy. Le vesciche erano più grandi e più dolorose, rendendo la via del ritorno più lunga e difficile. Con il sole cocente e le gambe deboli, mi sono fermato più volte per alleviare il peso della mia schiena per qualche minuto, ho cantato Raul Seixas per trascorrere del tempo.

Tutti sembravano stanchi, camminavano tranquilli, a passo lento, ansiosi di arrivarci. Ero notevolmente più magra e la mia faccia bruciava per il sole.

protezione del sentiero del monte roraima

Perché le persone fanno alpinismo? Forse perché la vita ha bisogno di momenti di avventura del genere. Di qualcosa che ci fa perdere l'equilibrio, solo così possiamo riequilibrarci di nuovo, ingranditi.

È probabile che nella comodità di casa mia, sdraiato sul divano, ricordi spesso questi momenti di avventura a Roraima. È stata una rottura fenomenale dalla routine. Abbiamo camminato come matti, sotto il sole e la pioggia, abbiamo dormito in tende all'interno delle grotte, ci siamo svegliati alle quattro del mattino, siamo stati privati ​​della televisione e della comunicazione per otto giorni.

La lunga camminata mette alla prova le nostre forze, fisiche e mentali, richiede una determinazione e una costanza che non emergono nella vita di tutti i giorni. Molte avversità arrivano lungo la strada, ma non puoi mollare in mezzo al sentiero, devi andare avanti. Fortunatamente, ci sono anche bellezze e gioie lungo la strada. Quindi decidi: hai intenzione di lamentarti o di goderti il ​​viaggio? Sarai felice o triste? Basta scegliere, come ha fatto Dona Ledi, che non ha mai perso il buonumore.

Dona Ledi conosceva già il messaggio della montagna. È un'escursionista veterana, ha già percorso il Camino de Santiago e i sentieri di Torres del Paine, in Cile, e El Chaltén, in Patagonia – Argentina. Ciononostante, ha assicurato che di tutti i viaggi che ha fatto, il Monte Roraima è stato quello che più l'ha segnata. C'è davvero qualcosa di speciale in questa montagna a forma di tavola.

Sono stato l'ultimo ad arrivare a Paraitepuy, l'inizio e la fine del nostro trekking. Ero esausto. Quando ho visto le case del paese, ho ricordato ancora il libro “O Mundo Perdido” e le parole che chiudono il penultimo capitolo, pronunciate dal protagonista-narratore, il giornalista Edoardo Malone, un collega professionista immaginario, che, come me, ha scritto un resoconto quotidiano delle cose che ha vissuto sulla montagna. “I nostri occhi hanno visto meraviglie senza eguali e il nostro spirito è stato purificato dalle prove. Senza dubbio siamo altri uomini, trasformati dalla splendida esperienza che abbiamo appena vissuto”.

Nota dell'autore: Non fatelo con questo autore e andate preparati per il trekking, con abbigliamento da alpinismo adeguato, impermeabili adatti al trekking, scarpe morbide per evitare vesciche e farmaci. Non dimenticare di assumere un facchino.

Per maggiori informazioni:

Avventura Roraima 

Circa l'autore:

Tales Azzi, È di San Paolo, giornalista e fotografo professionista dal 1999. Ha lavorato per undici anni come reporter assunto per la rivista Viaje Mais, di Editora Europa, nella quale ha pubblicato circa 180 reportage in Spagna e all'estero”.

Airbnb em Roraima

Hai già definito il tuo hosting? La ricerca di un soggiorno può essere difficile, a seconda della località e/o del periodo dell'anno. Ecco perché ti consigliamo di noleggiare un airbnb durante il tuo viaggio. Ci sono diverse case, appartamenti, loft o stanze in affitto in tutta la Spagna, tra cui airbnb a Roraima. È sicuro, affidabile ed economico. Un'esperienza che vale la pena! CONTROLLA QUI.

Bella suite a Boa Vista

Assicurazione nazionale di viaggio

Gli imprevisti accadono! Se non hai un'assicurazione sanitaria o se la tua copertura medica e ospedaliera non copre questa regione, stipulare un'assicurazione di viaggio nazionale potrebbe essere una buona idea. È super economico – da R $ 4 al giorno – e con esso viaggi serenamente, evitando spese impreviste. SCOPRI DI PIÙ QUI.

Leggi di più:

  • Monte Roraima: Scopri come visitare

Organizza il tuo viaggio:

Inizia ora e prenota il tuo hotel in Sud America su Booking.com

Risparmia tempo e denaro cercando la migliore assicurazione di viaggio con il comparatore Seguros Promo! Sconto extra del 5% con il coupon: FORTRAVELOVERS

Confronta i migliori prezzi per noleggiare un'auto da oltre 100 società di noleggio con Rentcars! (Paga fino a 12 volte! Paga in reais, senza IOF)

Salpa dalla Spagna con Internet 4G illimitato!

Aggiungi un commento di Trekking al Monte Roraima
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.