In Russia, la miniera di diamanti dismessa a Mirny

La miniera di diamanti di Mirny, in Russia, è una delle miniere a cielo aperto più impressionanti del mondo!

Tra i luoghi più straordinari (e strani) che il nostro pianeta ha da offrire, la miniera di diamanti di Mirny (o Mir Mine) in Russia è sicuramente uno dei più impressionanti. Al momento della sua chiusura nel 2001, la miniera era profonda 525 metri e aveva un diametro di 1200 metri, il che la rendeva all'epoca la seconda più grande buca scavata al mondo, dopo la miniera di Bingham Canyon. Il buco è così grande che lo spazio aereo sopra la miniera è chiuso agli elicotteri a causa del flusso d'aria che potrebbe risucchiarli. Scopriamo questa curiosità plasmata dall'Uomo dal 1955, che ha chiuso nel 2001 dopo aver restituito (quasi) tutta la sua ricchezza.


Una miniera a cielo aperto

Durante gli anni '60, la miniera di diamanti nella città di Mirny nella Repubblica di Sakha in Russia era in grado di produrre più di 10 milioni di carati all'anno, ovvero circa 2 tonnellate di diamanti all'anno.

Questa miniera è stata la gioia dei più grandi e potenti gioiellieri del mondo per molti anni. I diamanti sono spesso estratti in miniere a cielo aperto. Infatti, il diamante si forma da condizioni molto particolari: il carbonio si cristallizza in diamante a partire da una pressione compresa tra 4 e 6 GPa (pascal) con una temperatura di oltre 1100 gradi Celsius. Senza dimenticare che il tempo deve fare il suo lavoro.

Ma queste condizioni si trovano solo nelle viscere del nostro pianeta, a una profondità di circa 150 km o addirittura 200 km, e solo le eruzioni vulcaniche possono portare i diamanti in superficie. Si trovano annidate in rocce chiamate kimberlite.


Un posto preoccupante

Con i suoi 525 metri di profondità e 1200 metri di diametro, è ancora oggi una delle più grandi miniere a cielo aperto del mondo. È il quarto scavo più profondo del mondo dopo Oudachnaya (anche in Russia), Chuquicamata in Cile e Bingham Canyon negli Stati Uniti.


Da notare che, oltre alle sue straordinarie dimensioni, la miniera di Mirny confina con l'omonima città, il che rafforza l'idea che il foro sia stato praticato nel cuore della città, quasi a scapito delle abitazioni. Questo non è il caso, poiché l'80% dei 35.000 abitanti di Mirny dipende da questa attività mineraria.

Chiuso? Non proprio.

Attualmente la miniera è ancora gestita dalla società Alrosa, che impiega 3600 persone. Il metodo di recupero dei diamanti dalla superficie era destinato a esaurirsi dalla fine degli anni '60. Così, nel 1970, fu costruita una rete di tunnel sotterranei per il recupero dei diamanti. La produzione con questo metodo è iniziata nel 1999 e si stima che durerà altri 25 anni circa.

Questa stima si basa su un'esplorazione estesa fino a 1220 metri. Per stabilizzare il foro principale abbandonato, il suo fondo è stato coperto da uno strato di 45 metri di roccia di sterili.

Aggiungi un commento di In Russia, la miniera di diamanti dismessa a Mirny
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

End of content

No more pages to load